Errori da evitare

Varietà tostate meno, in cui la temperature interna non raggiunge i 200°C e il colore è chiaro, non possono produrre oli aromatici intensi e hanno un sapore acido e erbaceo.

Nelle varietà tostate eccessivamente, in cui la temperature interna supera i 250°C e il colore è nero, gli oli aromatici e il sapore sono bruciati e non permangono aromi.

Evitare di tostare a lungo a bassissima temperatura o per breve tempo ad altissima temperatura.

Acidità: è una delle caratteristiche più importanti del sapore del caffè; una leggera acidità rende il caffè più interessante ed intrigante. Più forte è la tostatura, meno acidità emerge, anche se varietà di caffè verde con forte acidità propria possono sviluppare pungenti caratteri acidi anche dopo una tostatura intensa.

Aroma: dopo tostature leggere risulta meno sviluppato, raggiunge il suo picco con tostature più scure e decresce in quelle scurissime.

Corpo: è il sapore cremoso che rimane in bocca. Aumenta con tostature color marrone o marrone scuro, mentre quelle più forti riducono la corposità del caffè.

Complessità: un caffè complesso combina una vasta gamma di caratteristiche come acidità e dolcezza. Raggiunge il suo massimo dopo tostature medie.

Equilibrio: significa che una varietà di caffè presenta un equilibrio tra le sue varie caratteristiche; l’acidità non è la principale e il corpo non prevale, quindi il risultato è delicato e delizioso.

Retrogusto o persistenza aromatica: è l’aroma che rimane in bocca dopo aver assaggiato il caffè. Può essere caratterizzato da molte note e nei migliori caffè persiste per oltre 10 minuti.

COMMENTA

Please enter your comment!
Please enter your name here