Brad Smith, 3 Agosto 2018

SMaSH: un approccio relativamente nuovo all’homebrewing basato sulla semplicità. Fare la birra a casa propria in modo più semplice ha i vantaggi significativi di valorizzare il sapore del singolo malto o luppolo e di far risparmiare tempo e denaro.

Il costo di una birra complessa

La maggioranza degli homebrewers, me compreso, tendono verso la complessità estrema quando iniziano a progettare le loro ricette, aggiungendo qualsiasi cosa (tranne il lavello della cucina) per rendere quella prima ricetta più speciale possibile. Le mie prime ricette sperimentali contenevano almeno 5 malti speciali, 4 gittate di luppolo, aggiunte d’acqua e una manciata di altre cose. Sfortunatamente il risultato era una birra assolutamente mediocre.

Con il tempo sono arrivato sempre di più alla conclusione che la complessità può costare cara, sia in termini economici che in termini di qualità e tempo. Un buon esempio è la vecchia usanza di aggiungere il luppolo a 60, 45, 30 e 15 minuti: ricerche recenti indicano che la maggioranza degli oli del luppolo sono fragili ed evaporano in meno di 10 minuti. Perciò un’unica gittata di luppolo, o forse una per l’amaro e una per l’aroma, può essere una scelta migliore.

I birrai professionisti, in particolare quelli artigianali, evitano la complessità ad ogni costo: non possono permettersi di tenere il magazzino pieno di decine di materie prime, bensì devono essere in grado di creare varie birre con un range limitato di ingredienti. E infatti realizzano birre premiate con piccole scorte.

SMaSH Brewing

Un gruppo di homebrewers devoti ha coniato il temine “SMaSH” per diffondere un modo di brassare più semplice: SMaSH sta per “Single Malt and Single Hops”. L’idea è di ridurre la birrificazione ai suoi elementi di base ed enfatizzare il sapore di una singola varietà di malto e luppolo.

Ovviamente questa tecnica non si adatta ad ogni stile di birra, i più indicati sono: Pilsner (tutti i tipi), Vienna Lager, Saison, Munich Dunkel, Wild Ale, IPA e perfino Barleywine.

Lo SMaSH brewing è anche un’esperienza molto istruttiva per il birraio: enfatizzando i sapori del singolo malto e del singolo luppolo può aiutare molto a definirli. Permette di capire a fondo cosa apporta alla birra un luppolo e un malto. Inoltre, consente di creare un mash di base e suddividerlo in vari lotti utilizzando diversi luppoli, se si hanno abbastanza attrezzature.

Progettare una ricetta SMaSH

La semplicità del metodo SMaSH rende la fase di progettazione della ricetta molto facile; dovrai solo scegliere un malto, un luppolo e un lievito da utilizzare e poi partire con ammostamento e fermentazione.

Vista l’importanza che il malto ha nelle birre SMaSH è necessario scegliere varietà ricche in sapore, le più popolari sono Maris Otter, Pilsner, Pale e Monaco.

Anche il luppolo apporta una nota caratteristica. Il consiglio migliore che posso dare è procurarsi vari campioni, annusarli e assaggiarli, e scegliere quello che bilancia il malto che si sta utilizzando. Chi ha più esperienza in questo campo tende a scegliere luppoli con alfa medi, che consentono di ottenere un buon bilanciamento nella birra con una singola gittata. I luppoli da aroma con poco amaro vano bene, ma utilizzandone grandi quantità lasciate bollire a lungo per realizzare birre luppolate possono lasciare sentori erbacei. Anche i luppoli con alfa elevati offrono possibilità interessanti, ma bisogna essere certi di amare il sapore e aroma del luppolo prima di utilizzarli.

Naturalmente le ricette possono essere ampliate per includere più di una aggiunta di malto e luppolo, ma allora non si tratta più di SMaSH, in ogni caso i concetti di semplicità e ingredienti limitati si applicano ancora. Ad esempio, la maggior parte degli stili BJCP possono essere realizzati con due soli malti, uno base e uno speciale. In questo caso la chiave è concentrarsi sullo stretto necessario per conseguire l’obiettivo.

Vi consiglio di provare a realizzare qualche birra con il metodo SMaSH, un ottimo modo per comprendere veramente cosa danno un singolo malto o un singolo luppolo al sapore delle vostre birre e vale la pena di applicare la filosofia della semplicità all’homebrewing in generale.

Qualche ricetta SMaSH

  • Pale Ale Simcoe SMaSH
 OG:1.054  FG:1.014
 IBU:43,2  EBC:10,2


Alcol
: 5,2%

Ingredienti per 20 litri
– 4,8 kg di malto Best Pale Ale
– 36 g di luppolo Simcoe (30 min) a 11,5%AA
– 33 g di luppolo Simcoe (0 min) a 11,5%AA
– 1 bustina di lievito Fermentis US-05

  • SMaSH Saison
 OG:1.044  FG:1.010
 IBU:21,1  EBC:6,5


Alcol
: 4,5%

Ingredienti per 20 litri
– 5 kg di malto Best Pale Ale
– 10 g di luppolo Saaz (First Wort) a 3,2%AA
– 35 g di luppolo Saaz (60 min) a 3,2%AA
– 19 g di luppolo Saaz (10 min) a 3,2%AA
– 1 bustina di lievito Wyeast Belgian Ardennes n. 3522

  • SMaSH Porter
 OG:1.064  FG:1.014
 IBU:33,7  EBC:63,4


Alcol
: 6,6%

Ingredienti per 20 litri
– 24 g di luppolo Northern Brewer (Mash) a 8,4%AA 
– 4,8 kg di malto Best Munich
– 640 g di zucchero candito bruno
– 24 g di luppolo Northern Brewer (90 min)
– 1 bustina di lievito Fermentis Safale S-04

Potete trovare altre ricette SMaSH sul sito BeerSmithRecipes.com: SMaSH Recipe Examples

COMMENTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.